.

.

giovedì 28 ottobre 2010

E nel vortice delle emozioni, una linea sottile....


A mia volta mi fido del mondo
non ti dico le botte che prendo
Non c'è modo di starsene fuori
da ciò che lo rende tremendo e stupendo
 
La canzone rimasta nel vento
le sorprese che fa il firmamento
ed i primi che mangiano tutto
e gli ultimi pagano tutto quel conto...
 
Per il cielo è un po' presto
per l'inferno non c'è posto
per qualcuno è solo buio pesto
 
A mia volta non smetto di andare
anche se non si sa ancora dove
a mia volta invecchio alla svelta
perchè non rinuncio a una certa illusione
una faccia che sembra destino
ed un vecchio che torna bambino
e traguardi che sono partenze
e un tramonto che sembra mattino
 
C'è una linea sottile fra star fermi e subire...
                                                     
                                                          L. Ligabue

                                                                                                  

Nessun commento: